Psicoterapia Ericksoniana

La psicoterapia ericksoniana si ispira all’opera di Milton H. Erickson, generalmente considerato il maggior specialista di ipnosi clinica al mondo. Oltre ad essere stato un grande innovatore nel campo dell’ipnosi clinica e sperimentale, Erickson è stato un maestro della psicoterapia breve, nella quale dispiegava una inesauribile varietà di tecniche di cambiamento.

La psicoterapia ericksoniana fonda la sua prassi su di un modello di comunicazione che, tenendo conto dell’influenza reciproca che si instaura naturalmente nella relazione tra paziente e terapeuta, non necessita di un’induzione formale d’ipnosi per accedere alle risorse inconsce dei pazienti e favorire la soluzione ai problemi di cui soffrono. L’elemento chiave della psicoterapia ericksoniana, infatti, non sta tanto nell'uso di una particolare tecnica ipnotica, quanto nell'utilizzo mirato delle risorse psicofisiche del paziente in grado di facilitare il processo di autoguarigione e la riattivazione delle capacità necessarie per gestire, al meglio, le difficoltà della vita.

La filosofia dell’intervento ericksoniano rimanda ad alcuni criteri generali che risultano importanti affinché una persona possa vivere una vita più felice e produttiva: la flessibilità, un atteggiamento umoristico verso di sé e il mondo e uno sguardo positivamente rivolto al futuro sono tutti fattori che contribuiscono al nostro benessere. La psicoterapia ericksoniana parte infatti dal presupposto che, se è vero che gli antecedenti di un problema vanno ricercati nel passato, non è altrettanto vero che questi siano la chiave per affrontarlo. A volte conviene dare la precedenza alla ricostruzione e al cambiamento dei fattori che mantengono le difficoltà nel presente.

Ciò che emerge dal lavoro di Erickson e dei suoi collaboratori, è che il cambiamento terapeutico dovrebbe essere quanto più possibile il risultato di una modifica della prospettiva attraverso la quale il paziente percepisce e fa esperienza della sua realtà: piuttosto che cercare di perseguire mutamenti ampi e profondi, spesso è preferibile dare avvio ad una serie di piccoli cambiamenti significativi che siano, da subito, in grado di modificare i modelli di comportamento disfunzionali e di produrre un miglioramento graduale e progressivo, fino alla risoluzione definitiva del problema.

Lo scopo implicito della psicoterapia ericksoniana è di aiutare il paziente a tornare al più presto ad una normalità di vita caratterizzata dal superamento di tutto ciò che si frappone al raggiungimento delle tappe evolutive caratteristiche della sua età e dell'ambiente culturale in cui vive. Di conseguenza, la psicoterapia ericksoniana è per definizione “breve” in quanto parte dal presupposto che, stare in psicoterapia, non è una condizione naturale dell’essere umano ma, piuttosto, uno strumento al quale possiamo ricorrere, temporaneamente, per superare alcune specifiche difficoltà, sintomi o disturbi, nel corso della vita.